Pubblicato in: Libri, Validi

Risvegli

41tl1lvbtsl-_sx318_bo1204203200_Risvegli (titolo originale inglese Awakenings) è un saggio di argomento medico scritto dal neurologo e divulgatore inglese Oliver Sacks, pubblicato per la prima volta in originale nel 1973, in Italia nel 1987 da Adelphi.

Contiene le osservazioni e le riflessioni raccolte dall’autore nella sua opera come medico presso una struttura di lungodegenza in cui erano ospitate persone affette da una particolare patologia neurologica affine alla malattia di Parkinson, ma di forma più grave e debilitante, originata dall’epidemia di encefalite letargica verificatasi durante il periodo 1916-1927, e delle loro singolari reazioni dopo il trattamento con una terapia sperimentale.

“Risvegli” è il racconto sconvolgente di come alcuni pazienti vennero risvegliati, mediante un farmaco somministrato da Sacks stesso, dopo quarant’anni di sonno.

Dal libro nel 1982 l’autore teatrale premio Nobel per la letteratura Harold Pinter trasse lo spunto per un’opera teatrale in atto unico dal titolo A kind of Alaska. Nel 1990 la regista Penny Marshall ha diretto una fortunata versione cinematografica liberamente tratta dal libro, con protagonisti Robin Williams e Robert De Niro.

 

Risvegli – Wikipedia

Risvegli – libro Amazon

Risvegli – libro Adelphi Edizioni

 

Annunci
Pubblicato in: Articoli, Validi

Michele Specchiale

Articolo di Francesca Martin

Alla consolle con la mano bionica: come funziona la protesi del dj con una mano sola

Un arto programmabile a pc consente a Michele di richiamare una serie di prese che gli permettono di muoversi con scioltezza alla consolle

Scratchare alla consolle con dita robotiche è un’immagine che ci fa pensare ad un film di fantascienza o ad un futuro ipertecnologico. In realtà è una delle tante foto che si può trovare caricata sul profilo Facebook di Michele Specchiale, 41 anni, il “deejay con una mano sola”.

Michele Specchiale dj con la mano bionica
Michele Specchiale ha 41 anni, ha una moglie e due figlie, e un braccio “bionico” col quale ha recuperato le funzionalità perse dopo un incidente col trattore che gli ha strappato l’arto sinistro più di 20 anni fa. Oggi vive in provincia di Catania, dove lavora come ragioniere perito aziendale, disegnatore meccanico e programmatore di macchine a controllo numerico, oltre a suonare, naturalmente. Ma come si sta alla consolle con una mano sola? Come funziona questo arto bionico? Me lo sono fatto spiegare direttamente da lui… Continua a leggere “Michele Specchiale”

Pubblicato in: Libri, Pensieri e Citazioni

Bologna

img_6026dal Racconto SOTTO I PORTICI di Piero Cancemi

“…andiamo ai Giardini Margherita, andiamo al Parco della Montagnola, andiamo in Via del Pratello, in Via Mascarella, in via Petroni, in Piazza Verdi, fermiamoci in Via Delle Moline, prendiamo un gelato da Gianni, mangiamo una gramigna con la salsiccia all’ Osteria dell’Orsa, mangiamo anche la mortadella di Bologna e il ragù alla bolognese, facciamo aperitivo all’ Osteria del Sole, le crescentine sono pesanti, mangiamo una piadina con crudo e squaquerone, andiamo in Biblioteca Salaborsa, andiamo al concerto, andiamo sui colli, andiamo a San Luca, andiamo al Barazzo…”

Sotto i portici

Racconti Bolognesi vol.1

Pubblicato in: Articoli

“Il colore nascosto delle cose” di Silvio Soldini alla Mostra del Cinema di Venezia

“Il colore nascosto delle cose”
regia di Silvio Soldini, interpretato da Adriano Giannini e Valeria Golino
Mostra del Cinema di Venezia 2017

https://progettomedea.com/2017/09/01/il-colore-nascosto-delle-cose-di-silvio-soldini-alla-mostra-del-cinema-di-venezia/

Presentato fuori concorso a Venezia 74 e già nei cinema dal 7 settembre, “Il colore nascosto delle cose” segna il ritorno di Silvio Soldini con una delicata storia d’amore tra un pubblicitario donnaiolo interpretato da Adriano Giannini e una osteopata non vedente e piena di vita, interpretata da una bravissima Valeria Golino.

View original post 525 altre parole

Pubblicato in: Libri, Validi

Rapporto H

51groqmtxql-_sx332_bo1204203200_Rapporto H è un libro di Edoardo Cernuschi e Piero Merzagora pubblicato da Sperling & Kupfer editori nel 1981.

Per la prima volta in Italia, un quotidiano di grande diffusione anche all’estero si apriva alla puntuale trattazione degli argomenti riguardanti gli handicappati. E, per la prima volta nel nostro Paese e forse nel mondo, un giornale sceglieva di affidare la compilazione dei testi alle famiglie degli handicappati…. Nella preparazione e nella pubblicazione della rubrica non c’è mai la preoccupazione di infastidire qualcuno: se c’è da dire qualcosa, la si dice; se c’è da attaccare un sistema che non funziona lo si fa, nei limiti di un intervento sempre civile e documentato. L’ANFFaS, in questo, agli occhi del giornalista che sa quanto sia difficile un’informazione ricca, documentata e quindi inattaccabile, è stata sorprendente…. Così Gianfranco Gamucci, caporedattore del Corriere della Sera, parla della rubrica “Handicappati e Società” che dal 1978 esce con cadenza quindicinale sul quotidiano milanese a cura delll’ANFFaS (Associazione nazionale famiglie fanciulli subnormali). Questo libro nasce da quella rubrica e ne raccoglie le puntate più significative insieme con inquietanti testimonianze inedite.

 

Rapporto H – Amazon

Pubblicato in: Articoli

Italian Cannabis Business School: “Creeremo imprenditori di successo”

Italian Cannabis Business School

roscia2010

L’Italian Cannabis Business School è la prima realtà che si vuole porre come scuola di alta formazione per il mercato della cannabis. Il presupposto è che in questo momento la canapa nelle sue mille forme è ormai entrata nel mercato italiano e c’è quindi bisogno di figure specializzate nei vari ambiti che siano in grado di avere una visione panoramica del fenomeno ma anche un alto livello di conoscenze nel proprio ambito di lavoro.

Nel numero 71 di Dolce Vita vi abbiamo raccontato come in America prevedano che da qui al 2020 il settore cannabis creerà più posti di lavoro del settore manifatturiero della più grande economia del mondo e molti di quei lavori possono già essere svolti anche nel nostro Paese. In questo momento c’è un grande fermento favorito dalla recente legge che ha regolamentato la canapa a livello industriale e dal dibattito politico e sociale sulla necessità di…

View original post 490 altre parole

Pubblicato in: Articoli, Libri, Validi

Quali mani asciugheranno le mie lacrime?

41k185fvkzl-_bo1204203200_Quali mani asciugheranno le mie lacrime? è un libro di Mariatu KamaraThe Bite of the Mango, è stato pubblicato nel 2008. In Italia, il libro è stato tradotto con il titolo Quali mani asciugheranno le mie lacrime dalla casa editrice Sperling & Kupfer.

Quando in Sierra Leone la guerra civile raggiunge il culmine, la piccola Mariatu ha dodici anni. Da un giorno all’altro le sue giornate spensierate a Magborou, il tranquillo villaggio in cui vive, sono stravolte dalla minaccia rappresentata dai ribelli armati, che incendiano, devastano, torturano e uccidono. Per sottrarsi ai loro attacchi è costretta a cercare rifugio nella boscaglia con la sua famiglia, dove ben presto le provviste iniziano a scarseggiare. Nel disperato tentativo di procurarsi cibo in un villaggio vicino, Mariatu viene sorpresa dagli insorti. Molti di loro sono suoi coetanei, ma non meno spietati degli adulti. I bambini soldato la costringono ad assistere a orrori e violenze inimmaginabili, per poi offrirle la libertà in cambio di un’atroce “punizione”. “Quale mano vuoi perdere per prima?” le chiede il capo dei guerriglieri. E il suo machete scende con violenza sui polsi della bambina amputandole entrambe le mani. Miracolosamente Mariatu riesce a mettersi in salvo in un ospedale, dove scoprirà di portare in grembo – lei, così giovane – il frutto di una violenza sessuale. E solo la prima tappa di un lungo cammino che la farà ricongiungere alla sua famiglia in un campo profughi, che la porterà a mendicare per le strade di Freetown, e poi, finalmente, a fuggire dall’inferno per l’intervento di un’organizzazione umanitaria grazie alla quale volerà fino in Canada.

 

Quali mani asciugheranno le mie lacrime? – Amazon