Sensazioni

ti guardavo
mi ignoravi
ti sognavo
mi incontravi
il buio culla
la luce manda via
le campane strillano
il bambino suona
il profumo acceca
il sapore stordisce
le carezze fanno male
i baci feriscono
lo sguardo nasconde
gli occhi uccidono
i ricordi ammalano
i sentimenti non dimenticano
il dolore a volte serve

Piero Cancemi

Sensazioni – LOPCom

La bestia non si ferma – Piero Cancemi

nuova recensione del libro La bestia non si ferma

lalettriceimpertinente

Buongiorno a tutti!

Sono tornata con un’altra recensione! Sto progettando alcune modifiche al blog, presto scoprirete con i vostri occhi di cosa sto parlando!

Oggi vi parlo di un romanzo che mi è stato gentilmente inviato dall’autore, Piero Cancemi, intitolato “La bestia non si ferma”. Continuate a leggere se siete curiosi!

View original post 438 altre parole

Basta guardare il cielo

61rkb6xjfjl-_sx324_bo1204203200_Basta guardare il cielo (titolo originale Freak the Mighty) è un libro di Rodman Philbrick, pubblicato nel 1993.

Freak the Mighty – Wikipedia

Max è un ragazzo grande e grosso e, dicono tutti, un po’ scemo. Kevin ha una rara malattia che ha impedito al suo corpo di svilupparsi. Sono tutti e due soli, ma sono anche la cura che serve all’altro, perché se Max ha gambe forti, così forti da bastare per due, Kevin possiede immaginazione e intelligenza anche per Max. E insieme non sono più né Max né Kevin: insieme sono Freak The Mighty, una creatura capace di qualsiasi cosa. Anche la più impossibile: non farli sentire più né stupidi né malati, ma solo splendidamente vivi.

Basta guardare il cielo (The Mighty) è un film di Peter Chelsom del 1998, basato sul romanzo Freak the Mighty di Rodman Philbrick.

 

Basta guardare il cielo – libro – Amazon

Basta guardare il cielo – film – Amazon

Carne Viva

41t1vldq8flCarne Viva è un libro di Ruth Rendell pubblicato in Inghilterra nel 1986.

Inghilterra, anni Ottanta. Victor Jenner è stato incarcerato per il ferimento di un poliziotto, David Fleetwood, a cui ha sparato durante la fuga dal luogo dove aveva appena commesso uno stupro. Dopo dieci anni esce di prigione e si trova a ricominciare tutto daccapo: non ha soldi, non ha un lavoro, non ha amici. Ha solo le sue vecchie, ossessive fobie. E così si rimette a cercare l’unica persona che lo ricolleghi al passato, Fleetwood, ormai condannato a una vita da disabile.

Carne tremula è un film del 1997 diretto da Pedro Almodóvar, liberamente tratto dal romanzo Carne viva della scrittrice inglese Ruth Rendell.

 

Carne Viva – libro – Amazon

Carne Tremula – film – Amazon

Una notte ho sognato che parlavi

nicoletti1

Una notte ho sognato che parlavi è un libro di Gianluca Nicoletti, pubblicato da Mondadori nel 2013.

Un padre, il giornalista Gianluca Nicoletti. Tommy, il figlio autistico di 15 anni fisicamente già più che adulto. E il mondo che li circonda. Un mondo fatto di amici, famiglie fragili, burocrazia imperante, speranze, paure e incertezze. Ma una certezza rimane: quella di sapere che tuo figlio sarà con te per sempre, e che per sempre dipenderà da te.
Il libro “Una notte ho sognato che parlavi” (Mondadori, 2013) è un racconto con la voce del padre. Scorci di quotidianità, crisi, esplosioni e tenerezze. Non certo in un contesto deprivato, bensì nella Roma bene, tra amicizie che contano, iPad e iPhone a profusione. Si raccoglie soprattutto il dolore di quel padre, la consapevolezza della sfortuna che lo ha colpito e la crudezza di non potersi certo accontentare di un generico affetto e attaccamento.
L’implacabile necessità di fare da “guardiano” al proprio figlio lo trasforma rapidamente in una vittima del suo stesso “prigioniero”. È palpabile ed emerge, pagina dopo pagina, tutto il disagio e la fatica che un padre speciale affronta e deve affrontare.
Nelle pagine scritte da Nicoletti ho trovato tutto ciò che corre nella testa, ma soprattutto nel cuore, di un uomo e padre di un ragazzo di 11 anni con la sindrome di Down. Il periodo di vita è analogo: io mi trovo nella mirabolante fascia anagrafica degli “esodati”, mentre mio figlio si affaccia alla preadolescenza. Io devo affrontare tutte le preoccupazioni e il terrore della precarietà (non solo professionale) e del tempo che passa. Mentre lui deve fare i conti con quella “assenza” da ciò che lo circonda ben descritta da Nicoletti in Tommy: un’apparente indifferenza ai mutamenti e soprattutto al concetto del tempo che passa. Un concetto astratto, complesso, che mi dilania e al tempo stesso mi immobilizza.
È come se vivessi su un’eterna giostra, dove la velocità del giro aumenta sempre più e so per certo che non si fermerà. Ecco la differenza: per gli altri si fermerà, vuoi per i figli che se ne vanno da casa, vuoi per altro. Ma per me non si fermerà. E se sai già che non si ferma, il panico (“Se, come e quando riuscirò a fare anche le cose che mi appassionano, in primis scegliere liberamente cosa fare?”) aumenta ad ogni piè sospinto. “Un tunnel concentrico con incolmabili fessure”, per usare le parole del libro.
La magica possibilità di conciliare la propria vita con quello del proprio figlio diventa per me una utopia e Nicoletti fa bene a sognare un luogo ideale (Insettopia) dove poter fantasticare che quell’equilibrio fatto di saggezza e di eccitazione possa vivere e lasciare andare tutte le energie.
Invito tutti i genitori (soprattutto i padri) a leggere questo libro; tutti, non sono quelli con figli con bisogni speciali. Non intendo con questo “consolarmi”: credo solo che il senso di solitudine, di impotenza, di esaltazione e di aberrazione che un padre speciale come Nicoletti vive sia del tutto analogo a quello che vivono molti altri padri “normali”. Sappiate solo che, terminato di leggere il libro, avrete un pizzico di consapevolezza in più di ciò state vivendo: amarezza, frustrazione, dolore e fatica sì. Ma disperazione mai!

 

Una notte ho sognato che parlavi – LEDHA

Una notte ho sognato che parlavi – Amazon

Cani guida per disabili motori

pet_therapy

I cani non aiutano solo i disabili visivi e gli audiolesi, ma anche i disabili motori. Possono rappresentare l’ausilio fondamentale per il raggiungimento dell’autonomia del disabile fornendo un aiuto pratico per fare cose che risultano troppo faticose, possono mettere a disposizione i loro occhi, oppure il loro udito acuto.

U-Dog è un’Associazione di  Promozione Sociale ONLUS creata con la finalità primaria di preparare cani d’assistenza per persone con disabilità visive, uditive e di locomozione, favorendo il loro inserimento e la loro integrazione nelle attività sociali e civili.

La nostra esperienza e professionalità ci permette spaziare tra i più diversi ambitidell’interazione e della creazione del rapporto uomo-cane: dalla preparazione dei caniguida per non vedenti e da assistenza per audiolesi, ai cani d’assistenza per persone con disabilità motorie.

Oltre a ciò svolgiamo attività di Pet Therapy.

U-Dog è nata dalla lunga esperienza maturata nel campo della cinofilia e nello studio della relazione uomo-cane. Oltre vent’anni di studio e lavoro nei più diversi ambitidell’interazione e della creazione del rapporto uomo-cane.

Le competenze e l’esperienza così acquisite hanno portato a notevoli risultati nellapreparazione delle più diverse tipologie di cani “da lavoro”.

La filosofia della nostra Associazione prevede infatti che ogni cane venga addestrato e preparato con cura minuziosa a svolgere compiti personalizzati a seconda delleesigenze di ogni persona.

I nostri metodi si incentrano sul rifiuto dell’adozione di moduli standard d’addestramento che tendono a tipizzare sia le persone sia gli animali.

Ogni essere vivente, nella nostra prospettiva, ha una peculiarità che va indagata e valorizzata per poter comprendere al meglio le esigenze specifiche di cui ognuno èportatore per instaurare un rapporto virtuoso con l’animale, nel rispetto dell’alterità cheanche esso rappresenta.

Crediamo importante infatti promuovere ed approfondire una corretta relazione tra uomo e animale, il più possibile rispettosa delle esigenze di entrambi. Per questo per noi l’addestramento prevede due parole chiave: comprensione e rispetto.

Dal 2001 i soci hanno lavorato a vario titolo in iniziative cinofile in ambito sociale e relazionale. Continua a leggere