Pubblicato in: Racconti

Favola Metropolitana 2

C’era una volta un ragazzo,
una settimana fa per essere precisi, che era stato assunto in un’azienda con un contratto a progetto, senza la possibilità di assentarsi per malattia e senza buoni pasto per poter pranzare.
Nella pausa pranzo uscì dall’ufficio insieme al collega che aveva appena conosciuto e camminando gli chiese:
«Dove stiamo andando?».
«In un posto vicino dove si mangia benissimo, fidati!».
Il ragazzo neoassunto si fidò e seguì il collega fino a giungere nel posto indicato. Entrarono e si sedettero, giunse il cameriere e chiese loro le ordinazioni.
«Per me un panino con hamburger, cipolla, ketchup, mayonese e patatine fritte abbondanti, da bere una birra».
«Per lei?» domandò il cameriere al ragazzo neoassunto.
«Cosa c’è oltre alla carne?».
«Abbiamo la pasta alla carbonara con uova e guanciale» rispose lui.
«No grazie. Avete un’insalata?».
«La possiamo preparare. Cosa possiamo mettere dentro? Tonno? Ceci?»
«Vanno bene solo i ceci per me, se possibile aggiungere anche del radicchio».
«Va bene!» disse il cameriere prima di scrivere l’ordinazione e andare via.
«Mangi solo insalata?» domandò il collega.
«Sì, sono vegano» confessò il neoassunto.
dieta-vegana-alimenti-620x350«E dovresti mangiare insalata ogni giorno?» continuò il collega curioso.
«No! Posso mangiare tante cose, ma il cameriere non mi ha dato l’aria di essere preparato a riguardo».
«Sì ok, ma cosa puoi mangiare?».
«Legumi, cereali, verdura, frutta e semi. Praticamente il veganismo è un movimento filosofico basato su uno stile di vita fondato sul rifiuto di ogni forma di sfruttamento degli animali e ne giova la salute» spiegò il neoassunto.
«Mangia quello che vuoi che io farò lo stesso» disse il collega con aria di sufficienza.
«Tu di solito che mangi?» ribattè il neoassunto.
«Un po’ di tutto, stasera esco e sicuramente mangerò un kebab, oppure mangerò la pizza avanzata che è rimasta in frigo da 4 giorni, oppure ordino cinese, non so cosa mangerò, improvviserò, ma senza filosofie e pippe mentali».
«Va bene, mangia quello che vuoi che io farò lo stesso» rispose il neoassunto ripetendo la frase del collega.article-2621315-059e7ec10000044d-160_634x400
I due non si dissero più una parola e mangiarono il loro pasto una volta servito. Al termine si alzarono, uno prese un caffè e l’altro un orzo piccolo, pagarono e uscirono fuori. Entrambi si accesero una sigaretta.
Il collega guardò il neoassunto e disse:
«Prima mi fai delle pippe sul cibo, sulla salute fisica e poi fumi, anche quello fa male».
«E’ l’unica trasgressione che concedo al mio stile di vita» rispose lui.
Fumando si apprestarono ad attraversare lentamente la strada ma i due furono fortemente attirati dal rumore di una violenta frenata, voltandosi di scatto videro un auto che si accingeva a superare un furgone, quest’ultimo catapultò bruscamente sull’asfalto e strisciando con forza e ferocia travolse i due colleghi, entrambi non ebbero il tempo di reagire e i loro corpi furono investiti totalmente dalla disastrosa e triste casualità.

Morale 1 della favola: Non importa quello che mangi a volte si muore anche senza una spiegazione e senza rendersene conto.
Morale 2: Non mangiare sempre merda o non seguire una dieta solo per moda, mangia in maniera corretta ed equilibrata variando gli alimenti, l’organismo ne subirà benefici e non soffrirà delle mancanze correlate.
Morale 3: Il buon cibo è uno dei piaceri della vita, non prenderlo troppo alla leggera, non abusarne, goditi la vita anche mangiando bene.

Favola Metropolitana 2 – LOPCom

Annunci

Autore:

scrittore, lettore, sognatore, autore, pensatore

5 pensieri riguardo “Favola Metropolitana 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...