Pubblicato in: Validi, Video

film Memento

Memento è un film del 2000 diretto da Christopher Nolan.

La sceneggiatura è basata sul racconto del fratello del regista, Jonathan Nolan, Memento Mori, che però è stato pubblicato successivamente alla realizzazione del film.

La parola memento (parola latina, letteralmente “ricordati”, imperativo futuro, seconda persona singolare) in inglese indica comunemente qualsiasi oggetto utilizzato per ricordarsi di qualcosa, compresi i foglietti con note e appunti come quelli che si vedono nel film stesso.

In seguito a un attacco subito da due uomini con il volto coperto, che avevano tentato di stuprare la moglie, Leonard Shelby è affetto da un disturbo della memoria per i fatti recenti, e per questo non ricorda niente di ciò che vive successivamente al sinistro (amnesia anterograda); non è in grado di rammentare nemmeno l’oggetto iniziale di una conversazione qualora questa si prolunghi.

Per cercare di sopperire a questa mancanza cerca di scrivere e prendere appunti il più possibile su post-it, foto e perfino sulla propria pelle. Il suo corpo è infatti ricoperto da numerosi tatuaggi che gli forniscono indicazioni su cosa è successo e cosa dovrà fare.

Si impone questo metodo mnemonico in seguito a un caso di lavoro affrontato prima dell’incidente (e che gli rimarrà impresso per sempre), quando era investigatore in una compagnia di assicurazioni e si occupava di scovare gli impostori nei casi di false denunce di risarcimento. Il suo caso più complesso era stato quello con l’ex commercialista 58enne Sammy Jankis: analogamente a lui, – in seguito a un incidente – Jankis aveva perso la memoria a breve termine. Leonard – dopo numerose visite e test – aveva concluso la perizia refertando un problema mentale e non fisico, quindi di fatto escludendo Jankis dal risarcimento assicurativo. Aveva intuito nello sguardo del commercialista un comportamento falso nel fingere di non riconoscerlo.

La moglie non si era data pace, non tanto per la conclusione della perizia, bensì per la mancanza di un vero futuro a fianco del marito. Il presente era vissuto semplicemente nella quotidianità di gesti ripetitivi, che Jankis eseguiva senza problemi poiché antecedenti all’incidente, come le iniezioni di insulina necessarie per il diabete della consorte.

La storia di Jankis si concludeva tristemente con un fatale test compiuto direttamente dalla moglie: ella si era fatta iniettare dal marito numerose dosi di insulina a brevissima distanza di tempo al fine di mettere alla prova la sua buona fede e capire se ricordasse quanto accadeva o meno; ma, nonostante il marito la amasse, non ricordava di averle somministrate da poco. Caduta in coma la moglie, il signor Jankis era stato internato in una clinica psichiatrica, senza aver memorizzato quello che era avvenuto alla moglie.

A quel punto Leonard aveva capito che il commercialista non aveva mai finto di non riconoscerlo: quella strana microespressione, il lampo di riconoscimento nel suo sguardo, era motivata dal desiderio automatico di non deludere l’interlocutore, mostrandogli lo sguardo di uno sconosciuto. Pertanto il tatuaggio più volte scrutato e citato da Leonard alle persone che incontra è “Ricordati di Sammy Jankis”.

Leonard ha una missione da compiere, e il tatuaggio più in evidenza, sul petto, dice che sua moglie è stata stuprata e uccisa da John G., che è anche la stessa persona che, colpendolo alla testa, gli ha provocato il disturbo della memoria: Leonard vuole a tutti i costi trovarlo ed identificarlo per ucciderlo.

Nella sua missione di vendetta viene in contatto con alcune persone, tra cui Teddy, che si definisce suo caro amico, e Natalie, che ha da poco perso il marito e lo aiuta per compassione. Leonard, a causa del suo disturbo, non può ricordare nemmeno i volti delle persone né sapere se le conosca o meno e, per decidere di chi può fidarsi e di chi no, porta sempre con sé delle foto Polaroid con l’indicazione del nome della persona ritratta e l’impressione che ne ha ricevuto, annotando in tal modo preziose informazioni sugli sconosciuti che gli si parano davanti qualora dovesse incontrarli un’altra volta. Teddy viene ucciso all’inizio del film e presentato quindi come quello che Leonard ritiene il vero John G., e la pellicola intera è la ricostruzione del modo in cui Leonard ha raccolto queste informazioni e della sua interazione con il mondo esterno, che lo hanno portato improvvisamente a farlo fuori fidandosi di quanto c’era scritto sugli indizi che lui usava come punto di riferimento, non potendo ricordare.

Memento – Wikipedia

Annunci

Autore:

scrittore, lettore, sognatore, autore, pensatore

3 pensieri riguardo “film Memento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...