Pubblicato in: Poesie

Picciriddru

Quannu eri picciriddru
ti piacia iucari,
ti piacia curriri,
però a voti carii.

Ti facii mali,
chiancii forti,
sempri chiù forti.
Allura iu vinia subbitu i tia.

Ti cugghia rin terra
e t’abbrazzava figghiu me.
Annacava u me picciriddru,
accussì a chiantava i chianciri.

Ora si fattu ranni figghiu me,
si un omo oramai.
Tu rici chi un ti scanti i nenti.
Ma socchè stu scantu chi vo riri?

Tu ora un curri chiù,
ma cari in terra u stessu figghiu me,
tu un nici nenti,
ma ora sugnu iu ca mi scantu.

Un scurdari chi iu sugnu sempri to patri,
un ti scantari i chianciri cu mia,
iu sugnu sempri insemmula a tia,
picchì iu t’abbrazzu puru ora.

E’ veru che tu si un omo forti,
ma vogghiu viriri u stessu
si a finisci i chianciri
comu quannu eri picciriddru.

 

Piero Cancemi

Picciriddru – LOPCom

Annunci

Autore:

scrittore, lettore, sognatore, autore, pensatore

2 pensieri riguardo “Picciriddru

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...