Pubblicato in: Articoli, Validi

Assistenza sanitaria estera: quali tutele quando viaggiamo fuori dall’Italia?

dottoreCosa succede se in viaggio all’estero ci ammaliamo o abbiamo bisogno di assistenza sanitaria? Un vademecum e una app ci informano sui nostri diritti
Quando si viaggia o ci si trasferisce per studio, lavoro o  per una vacanza all’estero, è bene essere informati sui diritti e gli obblighi in vigore nel territorio in cui ci si sposta. In particolare, per quanto riguarda la salute, conoscere le linee guida dell’assistenza sanitaria in un Paese diverso dal nostro è una cosa necessaria. Su questo tema, per una maggiore diffusione dell’informazione in modo facile e veloce, il Ministero della Salute ha predisposto una guida interattiva, ora disponibile come APP ed una brochure distribuita nelle ASL, utile alle persone che si spostano per brevi periodi nei vari Paesi del mondo. Ad essere raccolte sono alcune informazioni sull’assistenza sanitaria all’estero che è bene conoscere e avere a portata di mano quando si viaggia oltre confine: ne raccogliamo alcune qui anche noi.

IL SISTEMA DI MOBILITA’ INTERNAZIONALE – Il Sistema di Mobilità Internazionale è un vasto sistema di assistenza sanitaria a carico dello Stato che ha lo scopo di tutelare gli assistiti che si spostano all’interno degli Stati dell’Unione Europea, dello Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda e Liechtenstein), della Svizzera e degli Stati con i quali sono in vigore accordi di sicurezza sociale. Nei Paesi al di fuori dell’U.E. e in cui non vigono accordi bilaterali in materia di assistenza sanitaria, è possibile usufruire della garanzia dell’assistenza sanitaria in forma indiretta cioè anticipando le spese chiedendone poi il rimborso tramite la Rappresentanza diplomatica italiana all’estero.
ASSISTENZA DIRETTA O INDIRETTA –  I cittadini possono usufruire dell’assistenza sanitaria in Italia o all’estero se sono in possesso della TEAM – Tessera Europea di Assicurazione Malattia o in possesso di Attestato di diritto.
Sia la TEAM che gli attestati di diritto consentono di usufruire dell’assistenza alle stesse condizioni previste per gli assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale di riferimento, in forma diretta, ovvero il paziente non deve anticipare le spese, ma è tenuto solo al pagamento di eventuali compartecipazioni alla spesa (ticket). Mentre in caso di trasferimento in Paesi non in convenzione con l’Unione Europea si può usufruire dell’assistenza sanitaria richiedendo l’attestato ex art. 15 DPR n.618 del 31 luglio 80 alla ASL di iscrizione portando la documentazione necessaria, alle stesse condizioni previste dal proprio Sistema Sanitario, ma in forma indiretta  cioè il paziente anticipa i costi dell’assistenza sanitaria e successivamente ne richiederà il rimborso al proprio Sistema sanitario che provvederà a rimborsare in base alle proprie tariffe, anche se inferiori a quelle del Paese di cura.

Per maggiori informazioni vi intiamo a consultare le pagine del sito del Ministero: Assistenza sanitaria stati in convenzione ed Assistenza sanitaria stati non in convenzione.

DISSERVIZI – In caso di disservizi o di danni è possibile rivolgersi al Punto di Contatto Nazionale del Paese di cura o al Punto di Contatto Nazionale italiano che potrà fornire informazioni sui diritti e sui rimedi extragiudiziali e/o giudiziali, civili-penali a cui si può ricorrere in quello Stato.
DIRITTI  A PORTATA DI CLICK –  Se parto per… è  l’app studiata come se fosse una guida interattiva, progettata con il contributo della Commissione Europea nell’ambito dei progetti EESSI (Electronic Exchange of Social Security Information) che è un sistema informatico che aiuterà le istituzioni che operano nell’ambito della sicurezza sociale dei vari Paesi dell’Unione Europea (UE) a scambiarsi informazioni con maggiore rapidità e sicurezza. Questa app permette a tutti gli assistiti (cioè tutti coloro che sono iscritti e a carico del Servizio Sanitario Nazionale – SSN) e a tutti gli operatori sanitari, di avere informazioni sul diritto o meno all’assistenza sanitaria durante un soggiorno o la residenza in un qualsiasi Paese del mondo. Oltre A raccogliere e rendere possibile la consultazione diretta della normativa comunitaria e italiana attualmente vigente, focalizza in particolare su come ottenere l’assistenza sanitaria in un qualsiasi Paese del mondo, a chi rivolgersi e come richiedere eventuali rimborsi. La guida è molto intuitiva e si utilizza rispondendo a tre semplici domande, avendo a disposizione scelte guidate ed elenchi  aggiornati per le relative risposte. L’App può essere scaricata gratuitamente dai market Google play, Apple, Windows.

Un innovativo strumento che ci permetterà, anche in viaggio, di far fronte a situazioni di necessità e dissipare i dubbi che potremmo avere riguardo ai nostri diritti all’estero.

Per info:
Ministero della salute

 

Turismo disabili

UMANIZZAZIONE DEI SERVIZI: COME SONO I NOSTRI OSPEDALI?

 

Articolo su Disabili.com

Autore:

scrittore, lettore, autore, sognatore

Un pensiero riguardo “Assistenza sanitaria estera: quali tutele quando viaggiamo fuori dall’Italia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.