Pubblicato in: Pensieri e Citazioni, Poesie, Validi, Video

Roberto Vecchioni, Francesco Guccini – Ti Insegnerò A Volare (Alex)

 

Ecco la canzone di Guccini e Vecchioni dedicata ad Alex Zanardi
I due cantautori celebrano la vita e la determinazione ad affrontarla anche di fronte alle avversità, ispirandosi al campione di handbikeSono le voci di due giganti della musica d’autore italiana – Francesco Guccini  e Roberto Vecchioni – a  fondersi in una unica voce che è un inno alla vita, alla forza di volontà, alla tenacia, nella nuova canzone Ti insegnerò a volare, un duetto dedicato al campione mondiale di handbike Alex Zanardi.

La canzone fa parte di un album di dodici inediti, intitolato L’infinito, uscito venerdì 9 novembre: non 12 brani – spiega lo stesso Vecchioni – ma un’unica canzone divisa in 12 momenti.  Si tratta di un regalo che i due cantautori fanno ai loro numerosi fan, che vede un insperato ritorno sulle scene di Guccini, dopo l’annunciato ritiro, ma anche di Vecchioni, che non pubblicava album da 5 anni.

Il singolo Ti insegnerò a volare è una canzone che contiene un riferimento letterario al poeta Costantinos Kavafis: «Se partirai per Itaca», raccontando di un uomo che «se non può correre imparerà a volare». Dicevamo, un inno al coraggio, alla determinazione e alla forza  che è dentro ciascuno di noi: un invito  a non mollare mai, come nei versi:

Se partirai per Itaca 
ti aspetta un lungo viaggio 
un mare che ti spazza via 
i remi del coraggio 
la vela che si strappa e il cielo 
in tutto il suo furore 
però per navigare solo 
ragazzo, basta il cuore qui si tratta di vivere 
non di arrivare primo 
e al diavolo il destino

 

 

Articolo su Disabili.com

Pubblicato in: Articoli, Validi

Il progetto di Zanardi per scovare (e supportare) i campioni dello sport paralimpico di domani

obiettivo-3-zanardi

Con la sua Obiettivo 3, il campione si propone di supportare, anche fornendo le  attrezzature necessarie, i giovani più promettenti dello sport paralimpico, in vista di Tokyo 2020

Per chi abbia una disabilità approcciarsi allo sport può risultare complesso sotto diversi punti di vista: non ultimo quello economico, se consideriamo che spesso le attrezzature sportive, altamente tecniche, possono costituire una spesa ragguardevole.

Eppure molti sono i talenti che meritano una possibilità: la possibilità di mettersi alla prova. Lo sa bene Alex Zanardi, che sta cercando di avvicinare nuovi giovani con disabilità al mondo dello sport, per comunicare la passione e il coinvolgimento che ha sperimentato nella sua carriera sportiva e che spera di ritrovare anche nelle nuove leve che avanzano.

Da qui la creazione di Obiettivo 3, un nome che esprime la meta del progetto: trovare e supportare almeno tre atleti da mandare alle prossime paralimpiadi di Tokyo del 2020, tra tutti coloro che Alex e il suo team puntano a seguire e a motivare verso il mondo dello sport paralimpico. Dove per supportare si intende anche coprire economicamente lo sforzo per intraprendere gli allenamenti necessari a questo ambito obiettivo, fornendo ad esempio il materiale e le attrezzature necessario in comodato d’uso gratuito per gli allenamenti.

Ma per un obiettivo di questo tipo serve lo sforzo di molti: per questo Alex si rivolge, con una lettera aperta, direttamente alle associazioni sportive e alle federazioni che sponsorizzano gli atleti, per esortarli ad una collaborazione e un aiuto reciproci nell’obiettivo di far emergere i nuovi campioni paralimpici di domani. Obiettivo 3, ricorda Alex nella sua lettera, non si vuole sostituire loro nei loro compiti, ma costituire un ulteriore aiuto e sostegno agli atleti perchè non perdano di vista i loro obiettivi e si sentano ascoltati e sostenuti anche a livello economico, nel caso le spese fossero eccessive.
Continua a leggere “Il progetto di Zanardi per scovare (e supportare) i campioni dello sport paralimpico di domani”