Pubblicato in: Articoli, Validi

Ecco Blue Diary, la Smemoranda visiva per ragazzi con autismo

Smemoranda lancia la prima agenda visiva che può essere riempita con immagini e simboli della CAA

Il cervello delle persone con autismo funziona in modo differente: semplificando, potremmo dire che pensa per immagini. Allo stesso tempo, sapere cosa la aspetta in una data giornata, è fondamentale per una persona con disturbi dello spettro autistico. Da ciò deriva che far vedere concretamente l’organizzazione della giornata, nero su bianco, rappresenta una strategia per definire uno schema di routine più facili da seguire. Lo sanno bene le famiglie di persone con autismo: per fare ciò, infatti, molti genitori ricorrono a soluzioni fai da te, come grandi calendari settimanali suddivisi per dare spazio ad attività prestabilite, indicate attraverso le immagini e i simboli della Comunicazione Aumentativa e Alternativa, che consentono di comunicare concetti semplici come “andare a scuola, mangiare, andare a dormire”. Una mela può essere collegata ai pasti principali, i libri alla scuola e così via.

Per dare uno strumento in più a questi genitori, Smemoranda ha pensato di unire la necessità di organizzazione precisa e la facile comprensività delle immagini e simboli ARASAAC – Portale Aragonese della Comunicazione Alternativa e Aumentativa per realizzare la Blue Diary, la prima agenda visiva per persone con autismo.

smemo

Blue Diary è un’agenda senza scadenza, che può essere impostata secondo le esigenze personali, definendo giorni, settimane ed anni. Ciò che offre Smemoranda è una sorta di intelaiatura che andrà poi arricchita a piacimento. Questa comprende diversi set di immagini e simboli adesivi ideati per indicare gli impegni della giornata o della settimana, accompagnati ad un tabellone planner su cui farli aderire. L’agenda parte come supporto per le difficoltà di comprensione del linguaggio verbale fino a diventare un rinforzo visivo che facilita l’orientamento nella vita di tutti i giorni.

L’agenda speciale è stata creata dall’unione di competenze di un team di professionisti nell’ambito dello spettro autistico, genitori, grafici e planner sulla base di un approccio cognitivo comportamentale. Oltre a Smemoranda, tra i promotori del progetto troviamo infatti Gaudio Onlus, Fabula Onlus  e Fondazione Facta Limina che hanno presentato la loro creazione a metà novembre presso la Fondazione Feltrinelli a Milano, in occasione di BookCity.

Blue Diary infatti verrà distribuita gratuitamente a chi ne farà richiesta: per averla, basta scrivere a autismogaudio@outlook.it.

 

Articolo su Disabili.com

Pubblicato in: Articoli, Libri, Validi

Quali libri far leggere d’estate ai ragazzi con disabilità

Articolo di Tina Naccarato

bambini-lettura-disabili

Audiolibri, libri ad alta leggibilità, libri che usano il linguaggio visivo: sono tanti oggi i formati a supporto dei ragazzi con disabilità

Le vacanze estive sono ormai iniziate per molti alunni e studenti e tanti docenti hanno consigliato di dedicare in questo periodo un po’ di tempo alla lettura, suggerendo spesso anche dei testi. La tecnologia, oggi, fornisce strumenti inclusivi e diverse possibilità ai ragazzi che hanno delle difficoltà, i quali possono accedere a testi in formati eterogenei e facilitanti.

E’ il caso, ad esempio dei ragazzi con disabilità visiva, che oggi possono leggere numerosi e-book accessibili, disponendo di cataloghi sempre più ricchi. La Fondazione Libri Italiani Accessibili (LIA), a tal proposito,  dispone di un catalogo di circa 9 mila testi, mentre l’Associazione Lettura Agevolata fornisce informazioni e formazione sulle diverse risorse e metodologie di lettura per chi presenta difficoltà visive (libri a grandi caratteri, elettronici, Braille, tattili ecc.) e sugli ausili ottici ed elettronici oggi disponibili. In rete sono disponibili gratuitamente audiolibri per non vedenti ed ipovedenti ed è oggi sorta Audible, la società di Amazon che si occupa di produzione e distribuzione di audiobook digitali e contenuti audio parlati. Sono disponibili testi delle case editrici Mondadori, Rizzoli, Einaudi, Piemme, Sperling&Kupfer. Quest’anno, inoltre, Emons Audiolibri compie dieci anni e per l’occasione sono in programma eventi e nuove iniziative editoriali.

Tuttavia, nonostante i numerosi progressi e la diffusione crescente degli audiolibri, la questione dell’accessibilità dei libri è ancora aperta. Ci sono case editrici che non hanno ancora reso disponibili i libri in formato elettronico e ci sono poi difficoltà nel rendere accessibili testi complessi ricchi di tabelle, diagrammi o note. Come abbiamo già evidenziato in passato, in media le persone con disabilità visiva leggono più dei vedenti: ci auguriamo che presto possano accedere a tutti i prodotti editoriali. Continua a leggere “Quali libri far leggere d’estate ai ragazzi con disabilità”