Pubblicato in: Articoli, Validi

Vacanze disabili: estate alla scoperta della Sicilia accessibile

cefalu-sicilia3

Qualche dritta per viaggiatori con disabilità tra bellezze archeologiche, riserve naturali,  città d’arte e spiagge cristalline

Dopo l’assaggio di vacanze che ci ha consentito di fare il recente ponte di Pasqua, iniziamo volentieri a fantasticare sulle prossime villeggiature estive. Le alternative nel Belpaese non si contano: dalle mete montane a quelle balneari, alla campagna come alla collina o alle città d’arte, l’unico imbarazzo per visitare l’Italia è quello della scelta.

In presenza di disabilità, però, come ben sappiamo, altro elemento da considerare è l’accessibilità, non solo degli alberghi e delle strutture che scegliamo per i nostri soggiorni, ma delle stesse città, spiagge, sentieri e località. Abbiamo quindi deciso di partire da una meta sulla quale un nostro affezionato lettore ci ha riportato di un diario di bordo dettagliato e utilissimo: il viaggio in Sicilia del nostro amico Mirko, che sulla sua carrozzina ha visitato alcune tra le perle di questa meravigliosa isola. Al racconto di Mirko abbiamo integrato alcune informazioni sulla accessibilità delle case vacanze di alcune delle mete più belle della Sicilia, che unisce mare da favola a sentieri suggestivi a città d’arte inimitabili.

SIRACUSA– Partiamo dalla splendida Siracusa, che è una delle destinazioni più accessibili dell’intera Sicilia. Fa notare Mirko che per chi arriva in camper c’è una navetta accessibile ogni venti minuti che collega il parcheggio comunale all’area archeologica, dotata di scivolo di accesso per carrozzine. All’interno, l’area del Teatro Greco è piuttosto ben percorribile in sedia a rotelle, eccetto per alcuni tratti sconnessi e pendenti. Anche l’anfiteatro romano è raggiungibile in maniera abbastanza agevole: è inoltre predisposto un ingresso dedicato, come pure per visitare l’Orecchio di Dioniso e le Latomie. Per le persone con disabilità e i loro accompagnatori è prevista la gratuità del biglietto per l’area archeologica di Siracusa.
Anche l’isola di Ortigia è raggiungibile dal parcheggio attraverso la navetta accessibile, ed è visitabile senza particolari difficoltà in sedia a rotelle, grazie anche all’area pedonale estesa. Per i turisti in carrozzina o con problemi di deambulazione è possibile accedere al Duomo (la cui entrata principale è dotata di gradini) da un accesso secondario, dotato di rampa, all’interno del cortile dell’Arcivescovado. Continua a leggere “Vacanze disabili: estate alla scoperta della Sicilia accessibile”

Pubblicato in: Articoli, Validi

Mirko Ferranti

Diario di viaggio: la mia Sicilia in carrozzinasicilia-dsabile-carrozzina

Il nostro amico e lettore Mirko Ferranti torna a raccontarci le sue esperienze da turista in carrozzina e camper e lungo le mete più belle e suggestive della calda Sicilia, con info pratiche e suggerimenti

Ottobre, tempo d’autunno e di racconti vicino al fuoco. Oggi vogliamo lasciar parlare la voce di Mirko Ferranti, nostro amico e lettore, che ci farà chiudere gli occhi e ci porterà per un attimo nella calda e splendida Sicilia, in questo suo report di viaggio nel quale racconta 11 giorni di estate on the road a bordo del suo camper (e della sua carrozzina), dal 4 al 15 giugno scorsi.
In passato Mirko ci ha già illustrato le belle esperienze che si possono vivere da turista con disabilità in questa splendida regione, descrivendoci le tappe del suo viaggio nella punta occidentale della Sicilia. Quest’estate Mirko ha proseguito il suo viaggio toccando nuove località, e per noi ha prodotto un breve diario di viaggio di una nuova parte di Sicilia da visitare, utile per quanti, in carrozzina, vorranno esplorare queste zone partendo informati.

Così ci racconta Mirko:

MUOVERSI TRA CARROZZINA E CAMPERNoi viaggiamo con un camper Elnagh Clipper guidato da mia moglie, adattato alla mia disabilità con una piattaforma elettro-idraulica per l’accesso e con spazi interni aumentati per il movimento in carrozzina. Io mi muovo con una sedia a trazione elettrica con un’autonomia che in pianura può raggiungere i 30km ma che, essendo dotata di ruote motrici centrali, mi permette anche di muovermi agevolmente negli spazi ristretti. Per le ricariche di emergenza ho dotato il mio camper di pannelli solari supplementari che di giorno accumulano in batterie a 24V; di notte un sistema inverter+caricabatteria mi consente di riversare l’energia nelle batterie della sedia.

L’ARRIVO A PALERMOSbarco in serata a Palermo dal traghetto proveniente da Genova. La compagnia GNV ha finalmente adottato su questa rotta navi con allestimenti interni di livello crocieristico: finalmente nessun problema per spostarsi da un ponte all’altro, per accedere al piano piscina, per la camera, ampia e dotata di un bagno comodo. Pernottiamo a Palermo nell’area Green Car di Via dei Mille, dove avevamo prenotato un posto. Da lì con una passeggiata pianeggiante di circa 2 km si può arrivare in centro. Da corso Calatafimi (100 m dall’area) è anche possibile utilizzare gli autobus del servizio pubblico. Quelli che ho visto io erano tutti dotati di scivolo di accesso.
Continua a leggere “Mirko Ferranti”

Pubblicato in: Articoli, Validi

I guerrieri europei del rugby paralimpico si sfidano in Italia

Per la prima volta nel nostro paese i Campionati Europei di Rugby in carrozzina, lo sport più apprezzato alle scorse Paralimpiadi

Appuntamento ghiotto per gli appassionati di sport disabili, quello della prossima metà giugno, quando, a Lignano Sabbiadoro, si svolgeranno – per la prima volta in Italia – i campionati Europei di Rugby in carrozzina.

La Federazione Internazionale di Wheelchair Rugby (IWRF) ha infatti assegnato all’Italia l’organizzazione dei Campionati Europei di Divisione C. Oltre all’Italia si sfideranno, dal 16 al 18 giugno prossimi presso gli impianti sportivi GeTur le nazionali di Norvegia, Russia e Israele. Le squadre che si classificheranno ai primi due posti potranno partecipare agli Europei di Divisione B, in programma in Svizzera dal 3 al 10 ottobre 2016.

L’evento del prossimo giugno avrà una serie di primati di notevole interesse per lo sport paralimpico internazionale: non solo sarà il primo Campionato IWRF di Rugby in carrozzina mai organizzato in Italia, ma vedrà anche la prima partecipazione storica in una rassegna continentale da parte della squadra israeliana, oltre al ritorno in una competizione europea della Norvegia, assente dal 2005.

Il Presidente della Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali,Sandrino Porru, ha recentemente dichiarato : “Una nuova sfida ci attende con l’organizzazione di questi Europei. Sono orgoglioso, insieme a tutta la famiglia FISPES, di essere riusciti in pochi anni ad affacciarci in modo importante nello scenario internazionale del Rugby paralimpico avviando un nuovo movimento sportivo nazionale e ad aver ottenuto la completa fiducia dalla Federazione internazionale per questo evento di così grande rilevanza. Sono sicuro che,nonostante la tenera età della nostra rappresentativa, riusciremo a ben figuraredando un’immagine positiva del rugby paralimpico”.

Il team Italia, infatti, è nato solo nel 2011 e si è notevolmente sviluppato in questi anni, fino ad entrare nel ranking europeo e mondiale.

Il Rugby in carrozzina è una disciplina paralimpica di grande impatto e molto divertente da seguire. E’ uno sport che non risparmia botte: è infatti ammesso – così come nel rugby – lo scontro, ma sono tra carrozzine. Lo spettacolo è assicurato: ne è conferma il fatto che il Wheelchair Rugby è stata la disciplina con maggior numero di spettatori alle Paralimpiadi di Londra nel 2012. Ci aspettiamo un grande spettacolo anche per le Paralimpiadi del prossimo settembre in Brasile!

Articolo su Disabili.com