Pubblicato in: Racconti, Validi

La storia di u Sceccu

C’era una volta il signor Cannizzaro che con i pochi soldi che aveva accumulato nella vita un giorno decise di comprare un asinello, u sceccu, in un piccolo paese siciliano, per spostarsi con più facilità insieme a suo figlio.

Un giorno il signor Cannizzaro acchiana n’capu u sceccu ed inizia ad andare avanti, mentre il bambino cammina s’agguanta a un armiggio di la sella.

La gente in paese vide passare u sceccu c’avia n’capu u vecchiu, mentri u piccirriddu caminava a peri.

La gente osservava e commentava sottovoce: U vecchiu s’arriposa n’capu u sceccu e lassa a peri u picciriccu. Mischinu u picciriddu! Chi viogna.

Al signor Cannizzaro le voci giunsero a casa sua, così il giorno dopo decise di cambiare.

La matina dopu, u signor Cannizzaro dici a u picciriddu di mettisi iddu n’capu u sceccu. U signor Cannizzaro vulia caminari a peri.

La gente in paese vide passare u sceccu c’avia n’capu u picciriddu, mentri u vecchiu caminava a peri.

La gente osservava e commentava sottovoce: U picciriddu un’avi rispettu pi u vecchiu. Mischinu u vecchiu! Chi viogna.

Al signor Cannizzaro le voci arrivarono a casa sua e il giorno dopo decise di cambiare ancora.

La matina dopu u signor Cannizzaro e u picciriddu si mettunu tutti ru n’capu u sceccu e caminavanu tranquilli.

La gente osservava e commentava sottovoce: U picciriddu e u vecchiu tutti ru n’capu u sceccu. Poviru armalu! Chi viogna.

Al signor Cannizzaro le voci arrivarono a casa sua e il giorno dopo decise di cambiare ancora.

La mattina dopo, il signor Cannizzaro e il bambino decidono di camminare a piedi come il loro asinello.

La gente osservava e commentava sottovoce: U picciriddu e u vecchiu caminanu a peri, puru chi hannu u sceccu. Chi viogna!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ci sarà sempre qualcuno che avrà da ridire sulle nostra scelte, anche se noi proveremo a cambiarle.

Ci sarà sempre qualcuno che pensa di avere ragione, ma noi dobbiamo fare quello che vogliamo e non quello che pensano gli altri. Dobbiamo imparare a ragionare solo con la nostra testa.

Un insegnamento di Caterina Alagna, mia Nonna, che mi ha sempre insegnato tanto.

Non abbiamo mai avuto u sceccu, ma abbiamo e continuiamo ad avere tanto amore.

Piero Cancemi

La storia di u sceccu – mEEtale

Pubblicato in: Poesie

Beddra

Eri troppu beddra.128184
Iu ti taliava
e tu mi taliavi,
iu ti riria
e tu mi ririi,
iu ti vasava
e tu mi vasavi.
Iu ti vulia maritari,
tu mi ricisti d’aspittari,
iu t’aspittava,
iu t’addisiava,
ma tu un mi vasavi chiù
e un ti facisti viriri chiù.
Ora t’arricampasti,
intantu ti maritasti,
to maritu u canusciu,
ma canusci puru tu a me mugghieri.
Tu si troppo beddra
e iu t’addisiu sempri.
Mi facisti chianciri na vota,
ma ora un vogghiu chianciri chiù.
Tu mi talii
e iu ti taliu,
Tu mi riri
e iu ti riru
Tu mi vasi
e iu ora un ti vasu chiù.

 

Piero Cancemi – mEEtale

Pubblicato in: Poesie

U Megghiu Amicu

Quannu eramu picciriddri
iucavamu sempri insemmula,
prima n’ammucciavamu
e poi n’attruvavamu.

Crisciamu e u ni spartiamu mai,
iamu a la scola insemmula,
tu caminavi
e iu ti vinia d’appressu.

Tu pallavi e iu riria,
iu pallava e tu ririi,
ti taliava e li to occhi erano sempri addrumati,
mi taliavi tu e li me occhi eranu sempri cuntenti.

Ricordo quannu ti facisti zitu
e tu ricordi quannu iu mi fici zitu.
Eri troppu beddru quannu ti maritasti
e forsi eru beddru puru iu quannu mi marità.

Eru cu tia quannu nascì to figghiu
e tu eri cu mia quannu nascì me figghia.
Ora su fatti ranni li nostri figghi,
un chianciunu chiù quannu hannu fami.

Ora chianciu iu,
tu t’mmucciasti ma
iu ti cercu sempri,
puru chi sacciu runni si.

Iu vegnu sempri sulu i tia,
ti portu li ciuri,
taliu u marmu
e taliu a to fotografia.

Ma un ci si chiù,
tu un ti preoccupari,
a to figghiu e a to mugghieri un ci fazzu mancari nenti,
puru si un mi l’addumannanu.

Canusciu u to cori ranni,
mi lu insignasti tu socchè lu cori.
Sacciu soccu c’era rintra lu to cori
e rintra lu me cori ci si sempri tu.

 

Piero Cancemi

U megghiu amicu – LOPCom

Pubblicato in: Poesie

Picciriddru

Quannu eri picciriddru
ti piacia iucari,
ti piacia curriri,
però a voti carii.

Ti facii mali,
chiancii forti,
sempri chiù forti.
Allura iu vinia subbitu i tia.

Ti cugghia rin terra
e t’abbrazzava figghiu me.
Annacava u me picciriddru,
accussì a chiantava i chianciri.

Ora si fattu ranni figghiu me,
si un omo oramai.
Tu rici chi un ti scanti i nenti.
Ma socchè stu scantu chi vo riri?

Tu ora un curri chiù,
ma cari in terra u stessu figghiu me,
tu un nici nenti,
ma ora sugnu iu ca mi scantu.

Un scurdari chi iu sugnu sempri to patri,
un ti scantari i chianciri cu mia,
iu sugnu sempri insemmula a tia,
picchì iu t’abbrazzu puru ora.

E’ veru che tu si un omo forti,
ma vogghiu viriri u stessu
si a finisci i chianciri
comu quannu eri picciriddru.

 

Piero Cancemi

Picciriddru – LOPCom