Pubblicato in: Libri, Validi

Il lupo di Wall Street

51pq6yrmycl-_sx328_bo1204203200_

Il lupo di Wall Street è un libro autobiografico scritto da Jordan Belfort nel 1998 durante i mesi in carcere, edita in Italia da Rizzoli Editore nel gennaio 2014. Dal libro è stato tratto il film The Wolf of Wall Street del 2013 diretto e prodotto da Martin Scorsese.

A Wall Street niente è impossibile, se sei giovane e affamato abbastanza. E nessuno ha più fame di Jordan Belfort, telefonista di una società di brokeraggio. Geniale e temerario, impara in un lampo l’ambigua arte di spostare mucchi di soldi e felicità, e in pochi anni diventa il broker più ricco e di successo sulla piazza, vera divinità di un mondo inquinato dai suoi stessi eccessi. La sua Stratton Oakmont è stata una delle compagnie di intermediazione finanziaria più spericolate d’America, con un fatturato di venticinque milioni di dollari a semestre. A soli ventisei anni Belfort è già multimilionario: di giorno accumula ricchezza, di notte, con la stessa abilità, spende montagne di denaro tra droghe, sesso, viaggi extralusso, Ferrari ed elicotteri personali. Ed è proprio vero, che tutto ha un prezzo: dieci anni dopo è l’FBI a far calare il sipario sulla vita travolgente e inebriante del “Lupo”. Una storia diventata un film diretto da Martin Scorsese e interpretato da Leonardo DiCaprio.

 

Il lupo di Wall Street – libro – Amazon

The Wolf of Wall Street – film DVD – Amazon

Pubblicato in: Libri, Validi

Sballo

51uxfqujmql-_sx320_bo1204203200_Sballo Nuove tipologie di consumo di droga nei giovani è un libro scritto da Alessandro Dionigi e Raimondo Maria Pavarin, pubblicato da Erickson nel 2010.

Quanti genitori hanno figli adolescenti e sono preoccupati che possano fare uso di droghe? Quanti sono preparati a scoprirlo? Quanti hanno ricevuto informazioni su come conoscere e gestire i pericoli che possono incontrare, durante la loro crescita, i giovani d’oggi? Alla difficoltà di affrontare problemi di questo tipo si aggiunge la profonda trasformazione che il consumo di stupefacenti ha subito nell’ultimo decennio: dai luoghi alle modalità di assunzione, dai significati sociali attribuiti all’uso all’analisi dei danni, psicologici e fisici, provocati dalle dipendenze, il «mondo delle sostanze» è talmente cambiato da rendere molto difficile distinguere, oggi, una trasgressione adolescenziale da un comportamento a rischio. Il fenomeno droga, non più circoscrivibile come un tempo a determinati ambienti, classi sociali o fasce d’età, è diventato ormai un costume esteso tra giovani e giovani adulti, tale da poter essere incluso nella normalità più che nella devianza. Sballo è una pratica guida che intende fornire conoscenze e strumenti a chiunque — genitori, ma anche educatori, insegnanti, operatori del settore — voglia orientarsi nell’universo della «generazione x» tra disagio, perdita di valori e percezione di nuovi rischi, nell’intenzione di proporre indicazioni e orientamenti spendibili nella difficile partita educativa che si gioca su questo terreno. Dal libro «Bevo per fare il grande, anche per fare alcune cose di cui mi vergogno, per non essere lucido» «Cannabis vuol dire trasgressione, significa spingersi in avanti per conoscere un nuovo mondo, che poi in realtà non esiste…» «Inizialmente la coca mi faceva un effetto diverso, cioè, era una cosa nuova, ma poi pian piano cominci ad aumentare le dosi… la compri dappertutto, praticamente ormai chiunque ce l’ha! Quando ci sei dentro alla grande, proprio che consumi tutti i giorni, lì per farti non guardi in faccia a nessuno, vai a rubare anche al tuo migliore amico» «Avevo un fidanzato che ne faceva uso con il suo gruppo di amici. Una sera siamo usciti, loro ce l’avevano dietro e mi hanno chiesto se volevo provare… Li avevo visti farlo tante volte, e mi sono detta “fammi provare cosa sarà mai ‘sta cosa!…”»

libro Sballo – Erickson

libro Sballo – Amazon

Pubblicato in: Libri, Validi

Requiem per un sogno

41yu2x5fiml-_sx334_bo1204203200_Libro di Hubert jr. Selby pubblicato nel 2003.

Il sogno americano è morto. Da un pezzo. Ma ognuno ha la sua droga per continuare a sognare: l’eroina, la televisione, il cibo, “Burqua” occidentali per evitare di guardare in faccia la realtà. “Requiem per un sogno” è la storia del “risveglio” di quattro personaggi, legati dalle illusioni di cui si nutrono per sopravvivere, e della loro lenta discesa all’inferno. Caratterizzato da una scrittura vibrante e “sensoriale”, il libro rappresenta l’altra faccia del sogno americano con una crudezza notevole, ma forte di una commovente capacità di penetrare e descrivere la psicologia umana, le sue debolezze, il suo bisogno d’amare e di credere, nei suoi momenti di pura grazia, nella fede che ci sarà comunque, altrove, un’altra possibilità.

Da questo romanzo è stato tratto l’omonimo film del 2000 diretto da Darren Aronofsky. Il film è diviso in tre sottosezioni, riferibili a tre stagioni, che a loro volta sono corrispondenti rispettivamente all’ascesa, al declino e alla caduta dei protagonisti. Manca, volutamente, la primavera, stagione simbolo della rinascita e della vittoria della vita sulla morte, come a sottolineare l’ineluttabilità del destino dei personaggi.

Requiem per un sogno  – libro – Amazon

Requiem for a dream – film – Wikipedia