Pubblicato in: Articoli, Validi

Biotestamento: i notai spiegano come fare le Disposizioni Anticipate di Trattamento

biotestamento-datLe risposte ai dubbi più diffusi in materia di DAT in un vademecum a domande-risposte, che vuole sanare i dubbi più comuni sulle novità introdotte dalla nuova legge

Come avevamo avuto modo di riportarvi, lo scorso 14 dicembre è stata approvata in Italia la prima Legge sul Testamento  Biologico pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.12 del 16 gennaio 2018 ed entrata in vigore il 31 gennaio scorso.

Tra le novità principali introdotte dalla normativa, la possibilità per chi è maggiorenne di stabilire delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT), ovvero delle indicazioni sui trattamenti sanitari che si vogliono ricevere o meno nel caso in cui ci si trovasse in condizioni di incapacità di decidere per la propria vita.
Per facilitare la conoscenza di tutte le possibilità e la stesura delle DAT a chi fosse interessato a scriverle, il Consiglio Nazionale del Notariato ha pubblicato nel suo sito ufficiale un vademecum in cui sono sintetizzati i dubbi più diffusi e le novità in questo campo introdotte dalla nuova legge. Il vademecum è strutturato con una serie di FAQ con le relative risposte,  in modo da renderne più facile l’utilizzo e la consultazione.

LE FAQ DEL VADEMECUM – Riportiamo qui sotto il vademecum per intero:

Che cosa sono le DAT?
Sono delle disposizioni/indicazioni che la persona, in previsione della eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può esprimere in merito alla accettazione o rifiuto di determinati:
· Accertamenti diagnostici
· Scelte terapeutiche (in generale)
· Singoli trattamenti sanitari (in particolare) Continua a leggere “Biotestamento: i notai spiegano come fare le Disposizioni Anticipate di Trattamento”