Pubblicato in: Libri, Validi

L’uomo che credeva di essere morto e altri casi clinici sul mistero della natura umana

51yqvy-lm3l-_sx335_bo1204203200_

L’uomo che credeva di essere morto e altri casi clinici sul mistero della natura umana è stato pubblicato in Italia nel 2013 dalla Mondadori. E’ un libro scritto da Vilayanur Subramanian Ramachandran, un neuroscienziato indiano, meglio conosciuto per il suo lavoro nei campi delle neuroscienze del comportamento e della psicofisica.

Perché alcune persone ci attraggono sessualmente? Perché ci affascina una certa melodia, un quadro o un tramonto? Come è nato il linguaggio? Come fa il cervello a dare origine alla coscienza? Ognuno di noi, almeno una volta, si sarà posto qualcuna di queste domande, accontentandosi magari di risposte improvvisate, oppure rassegnandosi a ritenerle insolubili. Il famoso neuroscienziato Vilayanur S. Ramachandran le considera invece stimolanti per approfondire ulteriormente, con il suo inconfondibile stile intuitivo “alla Sherlock Holmes”, lo studio di quell’affascinante enigma che sono ancor oggi le connessioni tra corpo, mente e cervello. Il metodo da lui adottato non si basa infatti su astruse categorie filosofiche, ma sull’osservazione concreta di pazienti che, a causa di difetti genetici o di lesioni cerebrali, presentano sintomi stravaganti e in apparenza inspiegabili: tra i casi più singolari, quelli di chi, pur avendo subito l’amputazione di un arto, continua ad avvertirne vividamente l’anomala presenza, di chi “vede” le note musicali o sente il sapore degli oggetti che tocca, fino all’uomo che viveva credendo di essere morto. Riuscire a decifrare fenomeni così bizzarri – sostiene l’autore – vuol dire scoprire sempre qualcosa di nuovo sul funzionamento del cervello umano, una strepitosa macchina che non finirà mai di stupire non solo per le sue “dotazioni” iniziali, ma soprattutto per la straordinaria evoluzione dei neuroni nell’incredibile viaggio che ha portato dai primati a Einstein.

 

L’uomo che credeva di essere morto e altri casi clinici sul mistero della natura umana – libro – Amazon

Pubblicato in: Libri, Pensieri e Citazioni

Speranza

email abbiati - abbiati -“Riccio sospirò, guardò il soffitto bianco e pensò che tutte quelle frasi che fino a quel momento gli sapevano di banale adesso erano intrise di valore. Ora aveva una verità, un inizio da cui ripartire. Scoprì il valore della vita solo quando stava per baciare la morte, così come il peso che si dà alle cose, quando non ci sono più. Da questo incontro, Riccio, aveva capito che si danno immagini piacevoli a quello in cui si spera, che la mancanza delle persone che ci hanno abbandonato è troppo forte e per questo le ritroviamo almeno in quell’ipotetico aldilà, fatto di sogni, di desideri e di speranze.”
Pubblicato in: Libri, Pensieri e Citazioni, Validi

Nuovo inizio

“Riccio sospirò, guardò il soffitto bianco e pensò che tutte quelle frasi che fino a quel momento gli sapevano di banale adesso erano intrise di valore. Ora aveva una verità, un inizio da cui ripartire. Scoprì il valore della vita solo quando stava per baciare la morte, così come il peso che si dà alle cose, quando non ci sono più. Da questo incontro, Riccio, aveva capito che si danno immagini piacevoli a quello in cui si spera, che la mancanza delle persone che ci hanno abbandonato è troppo forte e per questo le ritroviamo almeno in quell’ipotetico aldilà, fatto di sogni, di desideri e di speranze. In un attimo la fine era diventata per lui un nuovo inizio.”

[La bestia non si ferma p.14]

http://www.ereticaedizioni.it/?product=piero-cancemi-la-bestia-non-si-ferma