Pubblicato in: Articoli, Validi

Mascherine Trasparenti Per I Non Udenti, È Iniziata La Produzione In Italia

Le mascherine sono ormai entrate a far parte della nostra quotidianità ma  quelle “tradizionali” sono un ostacolo per i non udenti. Come possiamo comunicare con loro? Non tutti conosciamo la lingua dei segni italiana (Lis). Ed ecco che entra in campo la solidarietà e la creatività italiana.

Alcune aziende, infatti, già convertite alla produzione di mascherine, ora stanno lavorando anche a quelle “speciali”. Mascherine con una parte in plastica trasparente davanti alla bocca, una sorta di finestra sul mondo per chi necessita di leggere i movimenti delle labbra e le espressioni facciali.

A fine marzo, la studentessa ventunenne americana Ashley Lawrence aveva postato ilDhh Project, deaf and hard of hearing project: progetto per sordi e ipoudenti. Mascherine facciali con una parte in plastica trasparente davanti alla bocca per permettere di leggere il labiale e interpretare le espressioni facciali di chi parla in Lis. Realizzate in casa e spedite gratuitamente a chi ne fa richiesta.

La solidarietà made in Italy

Diverse sono le iniziative di privati e di associazioni che producono e donano gratuitamente le mascherine per non udenti, ve ne segnaliamo alcune.

Irene Coppola la stilista pugliese, recentemente intervistata da Green Planet News, afferma che le mascherine: â€œSono fatte come le altre, ma quando si aprono c’è la plastica trasparente che permette ai sordomuti di leggere il labiale”. Le mascherine che ha creato prendendo spunto da alcuni video pubblicati su Facebook. Oltre alle mascherine trasparenti, la stilista e imprenditrice pugliese ne sta producendo anche di cotone, che ha donato a numerosi reparti e associazioni.

Da segnalare che in questi giorni sono state donate alcune mascherine “speciali”. Alle farmacie di Santa Maria di Collegno e Vecco di Grugliasco, realizzate da Francesco Tortorelli e della sua Grugliasco Ricambi. All’Ente Nazionale Sordi (ENS) onlus di  Napoli, cucite dalla sarta Anna Novellino e donate dalle associazioni ‘Ciro Vive’ e ‘Diritto alla salute’. E ancora La Misericordia di Vinci ha proposto il tutorial per realizzare le mascherine col sorriso con l’obiettivo di rispondere nell’immediato al bisogno dei familiari e a chi lavora con i non udenti o a chi è impegnato nel soccorso.

Dai privati, alle associazioni fino ad arrivare alle imprese che hanno accettato la sfida lanciata da Giuseppe Petrucci, presidente dell’Ente nazionale sordi (ENS). Ve ne segnaliamo un paio che sono attualmente impegnate con prototipi e test di questo nuovo tipo di mascherine per la collettività.

La Dienpi di San Benedetto del Tronto dalla stampa etichette e decorazioni su borse e scarpe per grandi marchi, con l’emergenza un terzo dei suoi dipendenti lavora a turno per cucire mascherine normali. Per quelle “speciali” stanno lavorando con un pvc trasparente che non si appanna con il respiro.

Dress Code di Guidonia Ã¨ un’altra azienda specializzata nell’abbigliamento donna che si è convertita alle mascherine. Attualmente si stanno dedicando alle mascherine “speciali” dopo avere ricevuto un invito della Federazione italiana associazione sordi (FIAS).

È di pochi giorni la notizia della creazione di una mascherina completamente trasparente, economica ed ecologica: la Invisi-mask. Progettata e prodotta da Davide Credaro, giovane imprenditore di Corsico. È dotata di un filtro intercambiabile che dura in media 24 ore. La mascherina è lavabile giornalmente con acqua calda e sapone, è disinfettabile con tutti i tipi di disinfettanti in commercio. Per info: invisi-mask.com

Un piccolo promemoria:

  • prima di indossare la mascherina, lavati le mani con acqua e sapone o con una soluzione alcolica.
  • copri bocca e naso con la mascherina assicurandoti che aderisca bene al volto.
  • vita di toccare la mascherina mentre la indossi, se la tocchi, lavati le mani.
  • quando diventa umida, sostituiscila con una nuova e non riutilizzarla; infatti sono maschere mono-uso
  • togli la mascherina prendendola dall’elastico e non toccare la parte anteriore della mascherina.
  • gettala immediatamente in un sacchetto chiuso e lavati le mani.

Mascherine chirurgiche a 50 centesimi

In 100mila punti vendita in tutta Italia:

  • 20 mila supermercati e punti vendita della grande distribuzione.
  • 30 mila farmacie e parafarmacie.
  • 50 mila tabaccai.

Una svolta solidale da Nord al Sud Italia, sono infatti migliaia i lavoratori delle aziende che hanno deciso di cambiare produzione per dare una mano nell’emergenza coronavirus. E quando si parla di aguzzare l’ingegno, il popolo italiano è sempre pronto a cercare soluzioni pratiche originali. Ed ecco che privati e aziende si stanno prodigando per dare voce a chi non ne ha. Poiché in Italia le persone con problemi di udito sono oltre un milione, direi che il target di queste mascherine “speciali” ha un potenziale importante. In Italia, c’è bisogno di una produzione controllata e capillare che riesca, al più presto, a fare fronte a tutte le richieste.

Fonte SO (Sordi online)

Articolo su Green Planet

Pubblicato in: Articoli, Validi

Visitare la Puglia e il Salento in sedia a rotelle: il mio viaggio on the road

area_camper_di_punta_prosciutto

Mirko Ferranti

É accessibile la cattedrale di Trani per chi si muove in carrozzina? Le spiagge tra Otranto e Gallipoli sono attrezzate per persone disabili? Cosa si riesce a vedere della cattedrale di Lecce e ella magnifica Alberobello? Ce ne parla il nostro lettore Mirko di ritorno dal suo viaggio

Pensando alle tipiche vacanze italiane, difficile non pensare al mare, e pensando al mare, una delle mete che vengono in mente è senza dubbio il Salento e la Puglia. Con i suoi paesaggi e le sue attrazioni turistiche è una delle zone che non smettono di meravigliare chi le visita. Non fa eccezione il nostro affezionato lettore Mirko Ferranti, che, come d’abitudine,  ci riporta delle sue esperienze di viaggio (qui i suoi report dalla Sicilia, Parigi e Lisbona in carrozzina), e che stavolta ci porta a visitare il tacco del Belpaese a bordo del camper.

ANTEFATTO – Alcuni anni fa, all’inizio di Agosto, partimmo pieni di entusiasmo per la nostra vacanza in Salento. Arrivammo fino a Ostuni, cittadina di un bianco abbagliante, che fu possibile visitare solo a notte fonda e nel successivo primo mattino perché le temperature di giorno superavano i 40°C. Fu sufficiente un altro solo giorno sulla spiaggia affollatissima e incandescente di Torre Pozzelle per convincerci che dovevamo cambiare programma. Questo è il bello di viaggiare in camper: si fanno i programmi per il piacere di modificarli nel corso della vacanza!
Quell’anno ripiegammo sul Parco della Maiella (ripiegammo per modo di dire perché nella zona di Caramanico Terme trovammo grandi motivi di interesse paesaggistico e clima piacevolissimo), ma ci rimase il desiderio inappagato di visitare il Salento in una stagione meno ostile della piena estate.

LA VACANZA DI GIUGNO 2017 – L’anno scorso abbiamo deciso di saldare il nostro debito nei confronti del Salento e, ai primi di giugno, siamo partiti dalla Liguria con destinazione il “Tacco d’Italia”.  Anche partendo da Sanremo, nonostante le apparenze, il percorso più veloce rimane l’autostrada adriatica. Passiamo la prima notte ad Alessandria ed il giorno dopo, superato il nodo di Bologna, si procede spediti fino alla Puglia. Oltre 800km in un giorno per dare inizio alla vacanza vera e propria: meno male che mia moglie, che da più di dieci anni è l’unica a guidare il camper, non si spaventa più di niente!

cattedrale di trani1PRIMA TAPPA TRANI – Trani è la prima tappa, programmata principalmente per visitare la cattedrale. Arriviamo verso le 23, ma l’area camper di via Finanzieri è ancora aperta e il gestore ci accoglie gentilissimo. Al mattino, di buon’ora per anticipare il caldo, raggiungiamo a piedi il centro che dista poche centinaia di metri. Il Castello Svevo è fresco e totalmente accessibile: un restauro veramente encomiabile. Da lì, in pochi minuti, si raggiunge la Cattedrale. Si può accedere facilmente, tramite una rampa, alla parte inferiore, molto affascinante con la sua selva di colonne, ma per salire alla Basilica superiore è installato un montascale che ha una portata insufficiente per la mia sedia a trazione elettrica. Per il resto si può visitare senza problemi sia l’antico quartiere ebraico che l’ombroso giardino, dalla cui terrazza panoramica si gode una bella vista dell’intero porto.

TORRE DELL’ORSO – Nel pomeriggio ci trasferiamo a Torre dell’Orso che sarà la nostra porta d’ingresso al Salento. Pernottiamo al Villaggio Sentinella: questa struttura turistica, come molte altre che incontreremo nei giorni successivi, è ancora in fase di “risveglio” dopo il letargo invernale. I servizi sono tutti attivi, ma l’area campeggio è praticamente deserta. Ci sono servizi igienici per disabili ai quali si accede solo con le chiavi che mi consegnano alla reception. La piscina non ha attrezzature specifiche per persone in carrozzina, ma i bagnini sarebbero disponibili ad aiutarmi se avessi intenzione di fare il bagno. E’ domenica e la spiaggia, distante 500 metri, è già affollata, Vi si accede con una rampa un po’ ripida, ma la selva di ombrelloni quasi nasconde il mare. Ci accontentiamo di una passeggiata tra i negozietti di souvenir e di una sosta alla famosa pasticceria Dentoni che si raggiunge con l’ascensore. Continua a leggere “Visitare la Puglia e il Salento in sedia a rotelle: il mio viaggio on the road”