Pubblicato in: Articoli, Validi

Lo Scooter che si Trasforma in Trolley

ATTO è lo Scooter pieghevole che porti ovunque vuoi

Sei attivo e ti non vuoi stare sempre in casa? Ami viaggiare, ma a volte hai problemi a camminare?
 Che si tratti di un viaggio a lunga distanza, di un viaggio in campagna o di una semplice attività nella vita quotidiana:  con ATTO ti riappropri della tua libertà.  

Si apre ed è pronto per essere guidato in soli 10 secondi, ATTO è il tuo pratico compagno su autobus, treno, aereo, auto o nave. Grazie alla sua forma compatta, può essere facilmente riposto in qualsiasi bagagliaio e può seguirti anche nella cabina dell’aereo come bagaglio.

Autonomia e libertà

Persone provenienti da tutto il mondo si godono la mobilità appena acquisita grazie allo scooter elettrico ATTO. 
Indipendentemente dal fatto che tu abbia solo una leggera difficoltà motoria o meno: con ATTO puoi rivivere la tua vita in modo indipendente, libero e autonomo. 

Può venire in crociera

Puoi usarlo sia sul ponte di una nave che al suo interno ed una volta piegato occupa pochissimo spazio

ATTO Vola con te!

La sua speciale batteria ha le dovute certificazioni per affrontare il volo. Puoi persino portarlo con te in cabina, con alcune compagnie.

Entra in ogni auto

Una volta chiuso a Trolley può essere suddiviso in altre due parti, più leggere e più facili da maneggiare per caricarle in auto

Disabili Abili

Disabili Abili scooter

Pubblicato in: Articoli, Validi

Riccardo Calvini

Viaggiare con una disabilità: i miei giri del mondo con lo scooter (dall’imbarco aereo alle visite ai musei)

Riccardo Calvini ci racconta come la sua passione per i viaggi ha potuto ritrovare slancio, anche dopo la disabilità causata dalla Sclerosi Multipla, grazie allo scooter Atto, col quale viaggia in tutto il mondo

Ingegnere di 53 anni, Riccardo Calvini abita a Malgrate, in provincia di Lecco. Nel 2012 gli viene diagnosticata la Sclerosi Multipla nella forma primaria progressiva. Prima di quel momento era una persona che viaggiava molto: sia per lavoro sia per divertimento. Ero molto dinamico: facevo subacquea, scalavo le montagne, andavo ogni giorno in piscina – ero, insomma, molto molto attivo. Pertanto la diagnosi ha segnato un punto di svolta fondamentale nella mia vita. Il ritorno al piacere del viaggio arriva grazie a un ausilio, lo scooter elettrico ripiegabile Atto.  Ci siamo fatti raccontare da lui la sua esperienza.

Quale è stato l’impatto della malattia – e della successiva disabilità – nella sua vita di prima?
La mia SM è nella forma primaria progressiva: quella meno frequente ma anche quella più difficilmente rallentabile, perché c’è una continua degenerazione delle attività motorie, pertanto nel febbraio 2012, quando mi è stata diagnosticata, io potevo ancora camminare con una autonomia di un km, mentre adesso uso una sedia a rotelle, per cui c’è stato un costante peggioramento. Superato il primo momento di shock, fortunatamente sono riuscito a continuare ad avere un atteggiamento positivo nei confronti della vita, quindi, mentre all’inizio pensavo “non potrò più viaggiare”, ho scoperto che alla fine, anche come disabile c’era la possibilità di farlo: l’unica cosa è avere la volontà e la passione, dopo di che, si trova il modo di farlo.

Come è cambiato il suo modo di viaggiare, dopo la malattia?
Finchè riuscivo a muovermi senza ausili ho fatto alcuni viaggi, per due anni ho continuato anche a fare immersioni, ma dopo la situazione ha iniziato peggiorare: ho iniziato a muovermi con un bastone, e poi con le stampelle. Ma non mi sono fermato: a partire dal 2015 (quindi quando già camminavo con l’ausilio di un bastone) ad oggi, ho fatto 6 giri del mondo. Quando viaggio mi piace visitare i musei, girare e conoscere; purtroppo, però, muovendomi con le stampelle, tutto diventava più complesso.
Continua a leggere “Riccardo Calvini”

Pubblicato in: Articoli, Pensieri e Citazioni, Racconti, Validi, Video

Scooter Italiano\Inglese Elettrico (invalidi)

Voglio raccontare una storia italiana, il protagonista sono io: Piero Cancemi.

Questa non è una storia del mio passato, né un racconto che ho pubblicato in qualche libro, né una delle solite stronzate che scrivo. Questa è una storia sul mio presente. Una storia triste? Non credo. Una storia felice? Neanche. Allora che minchia di storia è? Se non lo sapevate io sono siciliano, ma vivo a Bologna da 15 anni, quindi qual è la cosa strana in tutto questo? Nessuna.

La storia italiana che voglio raccontare inizia quando decido di comprare l’ennesimo scooter. Decido di comprarlo online.

Io sono invalido\disabile da 18 anni, la mia situazione fisica peggiora lentamente ma inesorabilmente. Ho la patente speciale per l’automobile con le opportune modifiche effettuate. Avevo uno scooter 50 che usavo per recarmi a lavoro o per uscire saltuariamente con gli amici. Poi ho venduto questo scooter perché la mia situazione fisica peggiorava, quindi decisi di acquistare uno scooter elettrico per disabili e persone anziane.

E quindi? Qual è il problema? Caro Piero Cancemi quello che hai detto è la cosa più normale del mondo.

COL CAZZO!

Ho comprato lo scooter 4 mesi fa, esattamente questo Electric Mobility Scooter ZT-63. 3 ruote, elettrico, non supera i 25 km\h.

scooter italiano

accanto la foto –>

Indosso il casco e cammino piano.

Volevo mettere la targa per poter fare l’assicurazione, come ho sempre fatto con tutti i veicoli che ho avuto (2 macchine, 3 scooter).

Ed è proprio qui che inizia il calvario:

La Motorizzazione di Bologna non sa che pesci prendere. Non sanno la risposta ma pur di non ammetterlo preferiscono far fare avanti e indietro a me, e successivamente ai miei genitori.

A giorni alterni mi chiedono cose diverse:

Certificato Europeo di Conformità

Fattura

Li porto e mi dicono: manca Timbro e Firma

Scrivo al venditore, spedisco in fabbrica, dopo altri giorni i documenti tornano indietro timbrati e firmati.

La Motorizzazione ha le cose richieste, quindi mi chiede

documento d’identità del proprietario della fabbrica.

Lo porto.

Il venditore dello scooter mi dice via mail: Abbiamo venduto questi scooter in tutta Europa.

Il capo dei capi della Motorizzazione di Bologna non è mai raggiungibile. Nessuno sa qualcosa, l’omertà regna sovrana tra gli uffici.

Troppo difficile dire: prendi una carrozzina elettrica così tutti sanno cos’è. Uno scooter elettrico con 3 ruote nessuno lo conosce. Qui a Bologna noi sappiamo tutto, le cose che non conosciamo non esistono. Se avessero detto così sarebbero stati più onesti.

Ma a Bologna l’onestà intellettuale purtroppo è diventata un’utopia: capoluogo di una regione stupenda, ricca ed efficiente, ma accalappiata per metà dalla Lega. Che tristezza. Ancora Bologna Resiste, spero continuerà per sempre.

Ma io so anche come sarebbe stato in Sicilia:

Non è scritto da nessuna parte che non puoi portare questo scooter, quindi puoi fare quello che minchia vuoi, non arrivi neanche a 25 km\h, a cu a fari mali?

E’ questa per me la differenza tra nord e sud. Ma questo è un altro discorso politico e regionale, lo svilupperò successivamente, adesso continuo la storia.

Dopo 2 mesi trascorsi senza mai usare lo scooter, ma solo a perdere tempo tra Motorizzazione, ACI e Vigili Urbani, decido di prendere lo scooter per andare a lavoro la mattina: distanza 800 metri.

Sono senza targa perché la Motorizzazione mi ha detto NO, sono senza assicurazione perché le Poste italiane mi hanno detto NO. Se dovessi investire un gattino dovrai pagare in contanti. La signora delle Poste mi ha detto così.

Prendo il misterioso scooter elettrico, durante gli 800 metri mi ferma la polizia municipale perché sono senza targa. Spiego l’odissea. Vedono che sotto la sella ho il bastone pieghevole come ausilio per deambulare. Mi lasciano andare, mi dicono di non correre, certo, superare 25 km\h negli ultimi 300 metri mi verrebbe pure difficile, però per trasmettere fiducia mostro il pollice in su.

Il giorno dopo una nuova esperienza, dallo specchietto retrovisore del mio scooter elettrico vedo un SUV dei carabinieri che mi segue lentamente. Io cammino radente al lato destro, ma loro se ne fregano, i Carabinieri mi superano guardando stupiti il mio scooter, come se guidassi la Gioconda o una Ferrari. Mi piace pensarla così. Poi dicono che fanno le barzellette sui Carabinieri.

Altri episodi che mi sono successi: un signore si è stupito perché ho uno scooter elettrico e si complimenta con me perché salverò il pianeta. Un signore fa una stima senza senso e senza averlo chiesto:

l’hai pagato 10.000 euro?

No, l’ho pagato 1800.

Conoscevi il proprietario?

No, l’ho preso su Amazon da una fabbrica inglese https://velobike.co.uk/

Costa poco.

Lo so.

La cosa divertente è che alcune ragazze si complimentano con me come se avessi un Harley-Davidson.

Quindi la mia domanda è:

CHI SA COME COMPORTARSI?

COSA DEVO FARE?

IO VOGLIO SOLO PAGARE PER METTERMI IN REGOLA, O SONO GIA’ IN REGOLA?

IO SO CHI SA QUESTA RISPOSTA IN ITALIA: NESSUNO!

Chiederei aiuto al Ministro dei Trasporti Toninelli, ma al momento è troppo impegnato con il tunnel del Brennero.

Potrei chiedere aiuto anche al ministro per la Famiglia e la Disabilità Lorenzo Fontana, ma al momento è impegnato a essere sessista o contro l’aborto.

POVERA ITALIA!

Pubblicato in: Articoli, Validi

Uno scooter per disabili

si può trovare su:

http://www.offcarr.com/it/lo-scooter-per-disabili-%C3%A8-un-abiga-che-permette-di-salire-con-la-carrozzina-e-di-pilotarla-come-uno-scooter

prezzi più contenuti anche su:

http://lifebenesseredelriposo.it/shop/scooter-elettrici-per-anziani-e-disabili/32-scooter-pieghevole-per-anziani-e-disabili-mobility.html

 

Clicca sul link DIVERSAMENTE SUPERABILE, Clicca su “Mi piace” e segui su Facebook! #diversamente #superabile

Facebook – Diversamente Superabile