Pubblicato in: Articoli, Validi, Video

Federico Morlacchi

Federico Morlacchi (Luino, 11 novembre 1993) è un nuotatore italiano, vincitore di sette medaglie paralimpiche di cui una d’oro, sei volte campione mondiale e quattordici volte campione europeo.

Nasce a Luino, Federico è affetto da ipoplasia congenita al femore sinistro. Appassionato di nuoto sin da bambino, nel 2003 intraprende questo sport a livello agonistico e negli anni successivi prende parte ai campionati europei IPC di Reykjavík, dove vince due bronzi e di Berlino, dove vince un argento. Nel 2010 ha preso parte agli europei in vasca corta LEN per normodotati, gareggiando con atleti di disabilità inferiore, ed è riuscito ad ottenere un terzo posto nei 100m farfalla.

Nel 2012 è stato convocato per le Paralimpiadi di Londra dove è riuscito ad ottenere la medaglia di bronzo in tre gare (100m farfalla, 400m stile libero e 200m misti), segnando il record italiano nei 400 stile e nei 200 misti.

Nel 2013, ha preso parte ai mondiali di nuoto paralimpico di Montreal riuscendo ad ottenere il terzo posto nei 200 misti classe SM9 con il tempo record di 2’18″15, un secondo posto nei 400 stile libero classe S9 con il tempo di 4’14”46, segnando il record europeo e, il 17 agosto, uno straordinario primo posto nei 100 farfalla classe S9 nuotando per la prima volta sotto il muro del minuto, con il tempo di 59″63, laureandosi Campione del mondo.

Nel novembre 2013, Federico Morlacchi è stato nominato Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana per i successi sportivi ottenuti.

Nell’agosto 2014 Federico ha preso parte ai Campionati Europei di Nuoto Paralimpico a Eindhoven, vincendo ben 5 medaglie d’oro, rispettivamente nei 100 farfalla in 59″60, nei 100 stile libero con il tempo di 57″05, nei 400 stile libero in 4’18″34, nei 200 misti con il tempo di 2’17″82 e nei 100 rana in 1’13″00.

Nell’aprile del 2015, al Meeting Internazionale di Berlino, Federico ha infranto la barriera dei 59 secondi nella specialità 100 farfalla (categoria S9), registrando il tempo di 58”91 stabilendo così il nuovo record del mondo di categoria.

Nel luglio del 2015, ai Campionati Mondiali di Nuoto Paralimpico di Glasgow, Federico ha vinto l’oro nei 200 misti classe SM9 con il tempo di 2’17″76 laureandosi per la seconda volta Campione del mondo e tre argenti, rispettivamente, nei 100 stile libero con il tempo di 57″29, nei 100 farfalla in 59″69 e nei 400 stile libero in 4’17″76.

Nel 2016 Federico agli Europei di Funchal è salito cinque volte sul gradino più alto del podio vincendo l’oro nei 100 farfalla, nei 100 stile libero, nei 100 rana, nei 200 misti, nei 400 stile libero, l’argento nella staffetta 4×50 mista mista e il bronzo nella staffetta 4×100 mista. Sempre nel 2016 Federico ha partecipato alle Paralimpiadi di Rio dove si è laureato campione paralimpico nei 200m misti e tre volte vicecampione rispettivamente nei 100m farfalla, 100m rana e 400m stile libero.

Federico Morlacchi – Wikipedia

Pubblicato in: Articoli, Validi, Video

Andrea Pusateri

Andrea Pusateri (Monfalcone, 8 agosto 1993) è un paraciclista italianovelocista.

All’età di 4 anni ha avuto un incidente alla stazione ferroviaria di Monza, la mamma per cercare di salvarlo ha perso la sua vita e lui le due gambe di cui la sinistra gli è stata reimpiantata dal professor Marco Lanzetta.

Ha praticato diversi sport fino ad arrivare alla bicicletta, con la quale dal 2008 partecipa a tutte le gare di paraciclismo, ottenendo diverse vittorie e ottimi piazzamenti anche a livello mondiale tra cui dieci titoli italiani, cinque podi in Coppa del Mondo ed altri risultati internazionali.

Nel 2013 entra a far parte della Nazionale Italiana e nel 2014 vince la sua prima gara internazionale a Schenkon, in Svizzera.

Il 6 marzo 2015 durante un allenamento nel comasco subisce un grave incidente in bicicletta. Prontamente soccorso, viene trasportato in elicottero all’ospedale di Varese, riporta due ematomi oltre alle innumerevoli ferite e rimane in coma farmacologico per sette giorni. Tre mesi dopo conquista la sua prima medaglia d’oro in Coppa del Mondo a Maniago.

Andrea Pusateri – Wikipedia

Pubblicato in: Articoli, Validi

I guerrieri europei del rugby paralimpico si sfidano in Italia

Per la prima volta nel nostro paese i Campionati Europei di Rugby in carrozzina, lo sport più apprezzato alle scorse Paralimpiadi

Appuntamento ghiotto per gli appassionati di sport disabili, quello della prossima metà giugno, quando, a Lignano Sabbiadoro, si svolgeranno – per la prima volta in Italia – i campionati Europei di Rugby in carrozzina.

La Federazione Internazionale di Wheelchair Rugby (IWRF) ha infatti assegnato all’Italia l’organizzazione dei Campionati Europei di Divisione C. Oltre all’Italia si sfideranno, dal 16 al 18 giugno prossimi presso gli impianti sportivi GeTur le nazionali di Norvegia, Russia e Israele. Le squadre che si classificheranno ai primi due posti potranno partecipare agli Europei di Divisione B, in programma in Svizzera dal 3 al 10 ottobre 2016.

L’evento del prossimo giugno avrà una serie di primati di notevole interesse per lo sport paralimpico internazionale: non solo sarà il primo Campionato IWRF di Rugby in carrozzina mai organizzato in Italia, ma vedrà anche la prima partecipazione storica in una rassegna continentale da parte della squadra israeliana, oltre al ritorno in una competizione europea della Norvegia, assente dal 2005.

Il Presidente della Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali,Sandrino Porru, ha recentemente dichiarato : “Una nuova sfida ci attende con l’organizzazione di questi Europei. Sono orgoglioso, insieme a tutta la famiglia FISPES, di essere riusciti in pochi anni ad affacciarci in modo importante nello scenario internazionale del Rugby paralimpico avviando un nuovo movimento sportivo nazionale e ad aver ottenuto la completa fiducia dalla Federazione internazionale per questo evento di così grande rilevanza. Sono sicuro che,nonostante la tenera età della nostra rappresentativa, riusciremo a ben figuraredando un’immagine positiva del rugby paralimpico”.

Il team Italia, infatti, è nato solo nel 2011 e si è notevolmente sviluppato in questi anni, fino ad entrare nel ranking europeo e mondiale.

Il Rugby in carrozzina è una disciplina paralimpica di grande impatto e molto divertente da seguire. E’ uno sport che non risparmia botte: è infatti ammesso – così come nel rugby – lo scontro, ma sono tra carrozzine. Lo spettacolo è assicurato: ne è conferma il fatto che il Wheelchair Rugby è stata la disciplina con maggior numero di spettatori alle Paralimpiadi di Londra nel 2012. Ci aspettiamo un grande spettacolo anche per le Paralimpiadi del prossimo settembre in Brasile!

Articolo su Disabili.com